Tempo Di Lettura: 4 minuti

Jim Carrey è uno dei più grandi comici di sempre, e per noi – un esempio di motivazione e dedizione. Nonostante abbia dovuto affrontare situazioni difficili nel corso della sua vita, è stato in grado di raggiungere un grande successo e ci ha intrattenuto con le sue divertenti interpretazioni. Nel corso del tempo le persone si sono innamorate della sua divertente personalità, ma se si presta attenzione alla storia della sua vita, si possono imparare da lui anche molte cose.

Jim Carrey ad una premiazione in Spagna nel 2008 (foto di Noemi Nuñez)

Esistono un sacco di siti web dedicati alla biografia di Jim Carrey, quindi non andremo a scrivere nel dettaglio che cosa Jim ha dovuto affrontare; la nostra motivazione è piuttosto quella di motivarti e ispirarti prendendo come esempio i problemi che questo grande comico ha dovuto affrontare, sventure alle quali puoi relazionarti anche tu.

Un’istantanea degli incidenti di percorso di Jim Carrey

Se sei nato povero non è colpa tua, ma se muori povero allora è solo una tua responsabilità.

Bill Gates

L’interesse di Jim Carrey per la comicità si è sviluppato in lui fin dalla giovane età. Essendo entusiasta delle commedie, Jim scrisse una lettera in cui chiese di partecipare al Carol Burnett Show, ma Jim si vide rifiutare in quanto lo show non ingaggiava bambini all’epoca. Tuttavia, Jim continuò a coltivare la sua passione e iniziò ad esibirsi di fronte ai suoi compagni di classe al termine delle lezioni.

Il più delle volte le cose non vanno come previsto, l’incertezza è sempre presente, sia che tu sia ricco o povero. Jim aveva la dislessia, un disturbo che causa difficoltà nell’apprendimento. Essendo dislessico, incontrò grandi difficoltà a scuola. Le cose però peggiorarono quanto il padre di Jim perse il suo lavoro, ed insieme alla sua famiglia dovettero vivere per 8 mesi dentro un camper della Volkswagen.

Per aiutare la propria famiglia, all’età di 14 anni Jim incominciò a lavorare in una fabbrica per ben 8 ore al giorno, dopo l’orario scolastico.

A 15 anni, Carrey si esibì con la sua performance comica per la prima volta sopra un palcoscenico, vestendo un abito che sua madre gli aveva fatto. Fu un completo disastro, venne anche fischiato, ma nonostante ciò non si lasciò scoraggiare. All’età di 16 anni lasciò la scuola, per concentrarsi a tempo pieno sulla sua carriera da comico. Si trasferì a Los Angeles poco dopo, dove avrebbe parcheggiato ogni sera in Mulholland Drive, visualizzando il suo (sperato) futuro successo. Una di queste notti scrisse a sé stesso un assegno di 10 milioni di dollari per “Servizi di recitazione resi” e che datò per il Giorno del Ringraziamento del 1995. Raggiunse il suo obbiettivo poco prima di quella data, con l’uscita di “Scemo & Più Scemo” nel 1994. Jim prese quindi il vecchio assegno che aveva conservato nel portafoglio per tutto questo tempo, ormai stropicciato e deteriorato, e lo mise nella bara del suo appena deceduto padre.

Jim, nonostante abbia vissuto una vita povera, è diventato un commediante di successo – un sogno che si portava dietro fin dalla gioventù. Nonostante la crisi finanziaria non si arrese, le sue certezze per il futuro erano nulle, ma continuò comunque ad impegnarsi al massimo. Questa è la passione che ognuno di noi dovrebbe avere per condurre una vita di successo.

È meglio rischiare di morire di fame che arrendersi. Se rinunci ai tuoi sogni, cosa rimane?

Jim Carrey

Che cosa possiamo imparare da Jim Carrey

Uno dei modi migliori di trarre ispirazione è guardare agli incidenti di vita degli altri, e analizzare come siano stati in grado di superare i loro problemi. Prestare molta attenzione ti farà capire perché le persone hanno avuto successo anche dopo aver affrontato molte sfide nella loro vita. Tu non sei diverso, e se anche tu vuoi anche avere successo, puoi imparare da Jim e applicare la stessa formula nella tua vita.

1. La tua disabilità non costituisce un problema

Jim era dislessico; avrebbe potuto rinunciare ai suoi sogni se si fosse appoggiato a delle scuse come fanno molte altre persone. Ma qui risiede la differenza tra successo e fallimento. Una persona di successo non pensa a formulare delle scuse, mentre un perdente passa la sua vita a giustificare i suoi fallimenti. Dipende solo da te abbandonare le scuse e correre dei rischi. Sei tu l’unico fautore della tua vita.

La vita ti mette a disposizione innumerevoli opportunità, decidi tu se coglierle o rimanere con la paura di coglierle.

2. I tuoi problemi finanziari non sono il vero ostacolo

A causa delle cattive condizioni finanziarie, Jim ha dovuto vivere in un camper Volkswagen per 8 mesi e ha dovuto lasciare la scuola per lavorare in un magazzino in Ontario. Molti di voi potrebbero avere difficoltà finanziarie, ma questo non durerà a lungo; credici, se lavori bene e duramente, nulla può impedirti di ottenere stabilità finanziaria e successo. Jim, nonostante abbia dovuto affrontare una grave crisi finanziaria, non ha abbandonato e ora tutti noi siamo a conoscenza dei suoi risultati.

3. Essere rifiutati non è mai la fine

Ogni persona di successo è passata attraverso molti rifiuti. È difficile trovare qualcuno che abbia trionfato immediatamente al primo tentativo, senza alcun fallimento.

Jim si ha fatto due volte il provino e due volte è stato rifiutato alla SNL (Saturday Night Live). Si è fermato? Ovviamente no, ed è questo lo spirito che ha ogni persona di successo. I rifiuti sono parte della vita, aiutano i vincenti a migliorarsi, mentre i perdenti elaborano delle scuse. Accetta il fallimento e vai avanti, continua a migliorarti. Focalizzati sul miglioramento piuttosto che rimuginare sopra ciò che non puoi controllare. LA VITTORIA SARÀ TUA!


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *