Cose che non sapevi sulla psicologia: 40 rivelazioni

Queste cose che non sapevi sulla psicologia spiegano veramente tutto della nostra esistenza (anche perché il cibo ha un sapore migliore quando lo fa qualcun altro).

Psicologia: ci sono cose che non sappiamo sulla mente umana

La psiche umana è infinitamente complessa, ogni giorno vengono pubblicate nuove ricerche che aiutano a comprendere perché siamo come siamo. E mentre alcuni studi psicologici ci forniscono fatti psicologici abbastanza banali (per esempio, uno studio dell’Università di Rochester ha confermato che – preparatevi alla rivelazione – le persone sono più felici nel fine settimana), altri sono veramente illuminanti.

Qui abbiamo raccolto i fatti di psicologia che spiegano la natura umana – e che potrebbero far luce su alcuni dei modelli che noti in te stesso e negli altri. Dal perché pensi che il cibo abbia un sapore migliore quando lo prepara qualcun altro, al perché vedi sempre volti umani in oggetti inanimati, queste cose che non sapevi sulla psicologia spiegano veramente tutto.

40 cose che non sapevi sulla psicologia

Se abbiamo un piano B, il nostro piano A ha meno probabilità di funzionare.

Ogni tanto fa male essere preparati. In una serie di esperimenti dell’Università della Pennsylvania, i ricercatori hanno scoperto che quando i volontari hanno pensato a un piano di riserva prima di iniziare un compito, hanno fatto peggio di quelli che non avevano pensato a un piano B. Inoltre, quando si sono resi conto di avere delle opzioni, la loro motivazione per avere successo la prima volta è diminuita. I ricercatori sottolineano che pensare in anticipo è una buona idea, ma si potrebbe avere più successo se si mantengono questi piani vaghi.

La paura può far sentire bene, se non siamo davvero in pericolo.

Non tutti amano i film di paura, ma per le persone che lo fanno, ci sono alcune teorie sul perché, la principale delle quali riguarda gli ormoni. Quando si guarda un film di paura o si cammina in una casa infestata, si ottiene tutta l’adrenalina, le endorfine e la dopamina dovuta alla risposta di “lotta o fuga”, ma non importa quanto ci si senta spaventati, il cervello riconosce che non si è veramente in pericolo, quindi si ottiene una sensazione naturale di euforia senza correre il rischio.

Sbadigliare potrebbe aiutarci a legare.

Perché sbadigli quando lo fa qualcun altro, anche se non sei stanco? Ci sono alcune teorie sul perché lo sbadiglio sia contagioso, ma una delle principali è che dimostra empatia. Le persone che hanno meno probabilità di mostrare empatia – come i bambini che non l’hanno ancora imparata o i giovani con autismo – hanno anche meno probabilità di sbadigliare in reazione a quello di qualcun altro.

Ci preoccupiamo più di una singola persona che di tragedie di massa.

In un altro studio dell’Università della Pennsylvania, un gruppo ha appreso di una bambina che stava morendo di fame, un altro di milioni di persone che morivano di fame, e un terzo di entrambe le situazioni. Le persone hanno donato più del doppio dei soldi quando hanno sentito parlare della bambina rispetto a quando hanno sentito le statistiche – e anche il gruppo che ha sentito la sua storia nel contesto della tragedia più grande ha donato di meno. Gli psicologi pensano che noi siamo naturalmente inclini ad aiutare la persona di fronte a noi, ma quando il problema sembra troppo grande, pensiamo che la nostra piccola parte non sia rilevante e quindi ci disinteressiamo.

L’inizio e la fine sono più facili da ricordare che le parti centrali.

Quando alle persone viene chiesto di ricordare gli elementi di una lista, è più probabile che pensino alle cose dalla fine, o dall’inizio, secondo uno studio pubblicato su Frontiers of Human Neuroscience. La parte centrale viene confusa, il che potrebbe anche giocare nel motivo per cui ricordate quello che dice il vostro capo in apertura o conclusione alla sua presentazione, ma non tanto nella parte centrale.

Ci vogliono cinque cose positive per superare un evento negativo.

Il nostro cervello ha qualcosa chiamato “pregiudizio della negatività” che ci fa ricordare le cattive notizie più delle buone, che è il motivo per cui ti dimentichi rapidamente che il tuo collega si è complimentato per la tua presentazione, ma continui a soffermarsi sul fatto che un bambino alla fermata dell’autobus ha insultato le tue scarpe. Per sentirci equilibrati, abbiamo bisogno di almeno un rapporto di cinque a uno tra il bene e il male nella nostra vita.

Il cibo ha un migliore sapore quando lo fa qualcun altro.

Vi siete mai chiesti perché quel panino da asporto in fondo alla strada ha un sapore migliore di quello che fate a casa, anche se usate gli stessi ingredienti? Uno studio pubblicato sulla rivista Science ha scoperto che quando ti prepari un pasto, ci stai intorno così a lungo che ti sembra meno eccitante nel momento in cui effettivamente finisci per consumarlo – e questo, successivamente, diminuisce il tuo piacere.

Preferiamo sapere che sta per succedere qualcosa di brutto piuttosto che non sapere cosa aspettarsi.

I ricercatori che hanno pubblicato il loro lavoro sulla rivista Nature hanno scoperto che è meno stressante sapere che qualcosa di negativo sta per accadere (ad esempio, non c’è alcuna possibilità di arrivare in tempo a una riunione) rispetto a quando non sappiamo come andranno le cose (ad esempio, potremmo essere in orario come in ritardo). Questo perché la parte del nostro cervello che prevede le conseguenze, buone o cattive, è più attiva quando non sa cosa aspettarsi. Se premeremo sull’acceleratore per svincolarci dal traffico, proveremo molto più stress che se accettassimo di essere in ritardo e iniziare a pensare ad una scusa decente.

Cerchiamo sempre di restituire un favore.

Non è solo buona educazione – la “regola della reciprocità” suggerisce che siamo programmati a voler aiutare qualcuno che ci ha aiutato. Probabilmente si è sviluppata perché, per far funzionare bene la società, le persone hanno bisogno di aiutarsi a vicenda. I negozi (e alcuni nemici) amano usare questo contro di te, offrendoti degli omaggi nella speranza che tu spenda dei soldi.

Quando una regola sembra troppo rigida, vogliamo infrangerne altre.

Gli psicologi hanno studiato un fenomeno chiamato reattanza: Quando le persone percepiscono che certe libertà vengono tolte, non solo infrangono quella regola, ma ne infrangono ancora di più di altrimenti nel tentativo di riconquistare la loro libertà. Questo potrebbe essere uno dei fenomeni più interessanti della psicologia, che può spiegare perché un adolescente che non può usare il suo telefono in classe masticherà una gomma mentre invia furtivamente un messaggio.

Il nostro soggetto preferito siamo noi stessi.

Non incolpate vostro fratello egocentrico perché parla di sé stesso: è solo il modo in cui il suo cervello è cablato. I centri di ricompensa del nostro cervello si accendono più quando parliamo di noi stessi che quando parliamo di altre persone, secondo uno studio di Harvard.

C’è una ragione per cui vogliamo strapazzare le cose carine.

“È così carino, volevo solo strapazzarlo fino a farlo scoppiare!” Questa si chiama aggressione alla dolcezza, e le persone che la provano non vogliono davvero schiacciare quell’adorabile cucciolo. Una ricerca pubblicata su Frontiers in Behavioral Neuroscience ha scoperto che quando ci sentiamo sopraffatti da emozioni positive – come facciamo quando guardiamo un cucciolo di animale impossibilmente carino – un po’ di aggressività ci aiuta a bilanciare quel sentimento.

Il nostro cervello cerca di rendere i discorsi noiosi più interessanti.

I ricercatori dell‘Università di Glasgow hanno scoperto che nello stesso modo in cui sentiamo le voci nella nostra testa quando leggiamo ad alta voce, il nostro cervello “ripete” anche i discorsi noiosi. Se qualcuno sta parlando in modo monotono, lo renderemo inconsciamente più vivido nella nostra testa.

Alcune persone godono nel vedere la rabbia negli altri.

In uno studio dell’Università del Michigan, le persone con testosterone alto ricordavano meglio le informazioni quando erano abbinate a una faccia arrabbiata rispetto a una neutra o a nessuna faccia, indicando che trovavano l’espressione arrabbiata gratificante. I ricercatori hanno detto che potrebbe significare che alcune persone trovano piacere nel vedere gli altri arrabbiarsi – almeno fino a quando ciò non diventi una minaccia – che potrebbe essere il motivo per cui a quel ragazzo in ufficio piace tanto fare gli scherzi.

Ci mettiamo automaticamente in discussione quando gli altri non sono d’accordo.

In un famoso esperimento del 1950, agli studenti universitari fu chiesto di indicare quale di tre linee fosse della stessa lunghezza di una quarta. Quando sentivano gli altri (che partecipavano all’esperimento) scegliere una risposta che era chiaramente sbagliata, i partecipanti seguivano il loro esempio e davano la stessa risposta sbagliata.

Non siamo così bravi nel multitasking come pensiamo di essere.

Una ricerca pubblicata sul Journal of Experimental Psychology mostra che anche quando si pensa di fare due cose contemporaneamente, quello che si sta facendo in realtà è passare rapidamente da un compito all’altro – ci si sta ancora concentrando su uno alla volta. Non c’è da stupirsi che sia così difficile ascoltare il tuo partner mentre scorri Instagram.

Siamo convinti che il futuro sia luminoso.

Non importa se ti piace dove sei ora o no – la maggior parte di noi ha un “bias di ottimismo” che ci convince che il futuro sarà migliore del presente, secondo una ricerca in Current Biology. Diamo per scontato che aumenteremo di livello nelle nostre carriere, non divorzieremo mai, cresceremo dei piccoli angeli di bambini e vivremo fino a una vecchiaia matura. Queste potrebbero non essere prospettive realistiche per tutti, ma non c’è niente di male nello sperare per il meglio.

Crediamo (involontariamente) a ciò che vogliamo credere.

Gli esseri umani sono vittime di qualcosa chiamato bias di conferma: la tendenza a interpretare i fatti in un modo che confermi ciò a cui già crediamo. Quindi, non importa quanti fatti si possano esporre a tuo zio per cercare di influenzare le sue opinioni politiche, c’è una buona possibilità che non si muova dalle sue convinzioni. È uno dei fatti di psicologia che dovrete semplicemente accettare di non poter cambiare.

Il nostro cervello ci vuole pigri.

Evolutivamente parlando, conservare l’energia è una buona cosa – quando il cibo era scarso, i nostri antenati dovevano comunque essere pronti a tutto. Sfortunatamente per chiunque stia attento al proprio peso, questo vale ancora oggi. Un piccolo studio pubblicato su Current Biology  ha scoperto che quando si cammina su un tapis roulant, i volontari regolano automaticamente la loro andatura per bruciare meno calorie.

Essere soli fa male alla salute.

I ricercatori hanno scoperto che meno amici ha una persona, più alti sono i livelli della proteina fibrinogena che coagula il sangue. L’effetto era così forte che avere 15 amici invece di 25 era altrettanto negativo che fumare.

In un articolo abbiamo raccolto dei consigli per fare amicizia più facilmente.

Sei programmato per amare la musica che hai ascoltato di più al liceo.

La musica che ci piace ci dà una botta di dopamina e altre sostanze chimiche che ci fanno sentire bene, e questo fenomeno è ancora più forte quando siamo giovani perché il nostro cervello si sta sviluppando. Dai 12 ai 22 anni circa, tutto sembra più importante, quindi tendiamo ad enfatizzare maggiormente quegli anni e ad aggrapparci a quei ricordi musicali.

“I ricercatori hanno scoperto prove che suggeriscono che il nostro cervello ci lega alla musica che abbiamo sentito da adolescenti più strettamente di qualsiasi cosa che sentiremo da adulti – una connessione che non si indebolisce con l’età”, scrive Mark Joseph Stern per Slate.

I ricordi sono più simili a immagini assemblate che a istantanee accurate.

Anche le persone con la migliore memoria del mondo possono avere “falsi ricordi”. Il cervello generalmente ricorda il fulcro di ciò che accade, poi riempie il resto – a volte in modo impreciso – il che spiega perché mentre tu insisti che tua moglie era con te ad una festa sei anni fa, lei è categorica nel dire che non lo era.

C’è una ragione per cui certe combinazioni di colori mettono in difficoltà gli occhi.

Quando vedi un blu brillante e un rosso uno accanto all’altro, il tuo cervello pensa che il rosso sia più vicino del blu, facendoti strabuzzare gli occhi. Lo stesso vale per altre combinazioni, come il rosso e il verde.

Spezzettare le informazioni ci aiuta a ricordare.

La tua memoria a breve termine può trattenere solo  un certo numero di informazioni alla volta, ed è per questo che si usa lo “spezzettamento” per ricordare numeri lunghi. Per esempio, se cerchi di memorizzare questo numero: 90655372, probabilmente hai pensato naturalmente a qualcosa come 906-553-72.

Ti ricordi meglio le cose se sei stato messo alla prova su di esse.

Scusate, ragazzi! Uno dei fatti più utili della psicologia è che i test funzionano davvero. Uno studio pubblicato sulla rivista Psychological Science ha scoperto che le persone hanno più probabilità di immagazzinare informazioni nella loro memoria a lungo termine se sono state sottoposte a test (più sono, meglio è) rispetto a chi studia e non ha bisogno di ricordarle subito.

Troppa scelta può diventare paralizzante.

L’intera teoria del “paradosso della scelta” è stata criticata dai ricercatori che dicono che non è stata dimostrata negli studi, ma ci sono alcune prove che il nostro cervello preferisca poche opzioni a una tonnellata. Quando i single agli eventi di speed-dating incontravano più persone e queste persone avevano una maggiore diversità in termini di età e occupazione, i partecipanti sceglievano meno potenziali date.

Quando ti sembra di essere a corto di qualcosa (come i soldi), ne sei ossessionato.

Gli psicologi hanno scoperto che il cervello è sensibile alla scarsità – la sensazione che ti manca qualcosa di cui hai bisogno. Quando gli agricoltori hanno un buon flusso di cassa, per esempio, tendono ad essere migliori pianificatori di quando sono a corto di soldi, o almeno così ha evidenziato uno studio. Quando ci si sente a corto di denaro, si potrebbe avere bisogno di più promemoria per pagare le bollette o fare le faccende domestiche perché la mente è troppo occupata per ricordare.

Inoltre, non sarai mai ricco se continui a fare queste 10 errori di cui abbiamo parlato in un articolo.

Continuiamo a credere alle cose, anche quando sappiamo che sono sbagliate.

I ricercatori di uno studio scientifico hanno fornito ai volontari informazioni false, poi una settimana dopo hanno rivelato che i fatti non erano effettivamente veri. Anche se i volontari sapevano la verità (ora), le scansioni fMRI hanno mostrato che credevano ancora alla disinformazione circa la metà delle volte. È una delle cose sulla psicologia che forse non sapevi e che potrebbe renderti più intelligente.

Cerchiamo volti umani, anche in oggetti inanimati.

La maggior parte di noi non ha visto Gesù in un pezzo di pane tostato, ma tutti abbiamo notato facce da cartone animato che sembrano fissarci da oggetti inanimati. Questo si chiama pareidolia, e gli scienziati pensano che derivi dal fatto che riconoscere i volti è così importante per la vita sociale che il nostro cervello preferirebbe trovarne uno dove non c’è piuttosto che perdere un volto reale.

Troveremo sempre, sempre, sempre un problema.

Ti sei mai chiesto perché quando un problema si risolve, un altro prende il suo posto? Non è che il mondo sia contro di te, ma il tuo cervello potrebbe esserlo, in un certo senso. I ricercatori hanno chiesto ai volontari di scegliere le persone dall’aspetto minaccioso tra i volti generati dal computer. “Mentre mostravamo alle persone sempre meno volti minacciosi nel corso del tempo, abbiamo scoperto che hanno ampliato la loro definizione di ‘minaccioso’ per includere una gamma più ampia di volti”, scrive il ricercatore David Levari, PhD. “In altre parole, quando hanno esaurito i volti minacciosi da trovare, hanno iniziato a chiamare minacciosi volti che prima chiamavano innocui”.

Preferiamo distorcere i fatti piuttosto che cambiare le nostre convinzioni sulle persone.

Gli esseri umani odiano la “dissonanza cognitiva“: quando un fatto contrasta qualcosa in cui crediamo. Ecco perché quando sentiamo che una persona cara ha fatto qualcosa di sbagliato, sminuiamo quanto male sia stato davvero, o ci diciamo che la scienza esagera quando uno studio ci dice che abbiamo davvero bisogno di muoverci di più.

Le persone si alzano alle nostre alte aspettative (e non si alzano se ne abbiamo di basse).

Forse avete già sentito parlare dell’effetto Pigmalione – in pratica, facciamo bene quando gli altri pensano che lo faremo, e non facciamo bene quando la gente si aspetta che falliamo. L’idea deriva da un famoso studio del 1960 in cui i ricercatori dissero agli insegnanti che certi studenti (scelti a caso) avevano un alto potenziale basato sui test del QI. Questi studenti sono diventati davvero dei grandi realizzatori, grazie alle aspettative dei loro insegnanti nei loro confronti.

I social media sono psicologicamente progettati per creare dipendenza.

Ti sei mai detto che avresti solo controllato velocemente le tue notifiche di Facebook, e 15 minuti dopo stai ancora scorrendo? Non sei il solo. Parte di questo ha a che fare con lo scroll infinito: Quando puoi rimanere sul sito senza interagire e cliccare, il tuo cervello non riceve quel segnale di “stop” che ti permette di scollarti dal telefono.

Possiamo convincerci che un compito noioso era divertente se non siamo stati ricompensati.

Ecco un altro grande esempio di dissonanza cognitiva: I volontari in uno studio di Psicologia dell’apprendimento e della motivazione hanno svolto un compito noioso, poi sono stati pagati 1 o 20 dollari per convincere qualcuno che era in realtà piuttosto interessante. Quelli che sono stati pagati 20 dollari sapevano perché avevano mentito (hanno ricevuto una ricompensa decente) e pensavano ancora che fosse noioso, ma quelli che hanno ricevuto solo un dollaro si sono davvero convinti che fosse divertente, perché il loro cervello non aveva una buona ragione per pensare che avessero mentito.

Il potere fa sì che le persone si preoccupino meno degli altri.

Probabilmente avete sentito parlare del famoso esperimento carcerario di Stanford. (Breve riassunto: gli studenti del college sono stati nominati casualmente prigionieri o guardie in una finta prigione, e le “guardie” hanno iniziato a molestare i “prigionieri”. Le cose andarono così male che l’esperimento di due settimane fu cancellato dopo sei giorni). È un caso piuttosto estremo, ma studi successivi hanno scoperto che quando le persone si sentono in una posizione di potere, diventano meno brave nel giudicare i sentimenti di una persona in base alle sue espressioni facciali, indicando una perdita di empatia.

Per i nostri antenati, lo zucchero e il grasso erano cose buone.

Perché, oh perché, la torta deve avere un sapore migliore delle verdure? Beh, perché è così che siamo stati programmati per milioni di anni. Per i nostri antenati, ottenere un rapido colpo di energia dallo zucchero e poi immagazzinarlo come grasso, o mangiare molti grassi per mantenere i nostri corpi e cervelli alimentati significava più energia nel lungo periodo. Ma ora che i cibi grassi e zuccherati sono facili (un po’ troppo facili) da ottenere e mangiare, il nostro corpo è ancora predisposto a immagazzinare tutto quel grasso, anche se non ne abbiamo bisogno.

Il nostro cervello non pensa che le scadenze a lungo termine siano così importanti.

Più o meno tutti hanno procrastinato una volta o l’altra, anche se sappiamo logicamente che avrebbe più senso fare un breve resoconto sulle nostre tasse che accendere Netflix. Preferiamo compiti urgenti e poco importanti perché sappiamo che saremo in grado di completarli. Esiste anche la prova che  vedere la scadenza in termini di giorni, anziché di mesi o di anni, ce la rende più incombente in quanto siamo più legati al passare del tempo giorno per giorno.

Allentiamo la nostra morale quando un’autorità ci dice di farlo.

È uno dei fatti di psicologia più vecchi dei libri: Negli anni 60, lo psicologo di Yale Stanley Milgram condusse tristemente un esperimento che pensava avrebbe dimostrato che gli americani non avrebbero accettato ordini immorali come i nazisti. Per un “compito di apprendimento”, ai volontari fu detto di dare degli strattoni a un “discente” (un attore, poco conosciuto dai veri volontari) se avessero sbagliato una risposta. Con orrore di Milgram, i partecipanti continuarono a percuoterlo, anche quando l’allievo urlava di dolore.

Il denaro può comprare la felicità, ma solo fino a un certo punto.

La ricerca mostra che in termini di reddito, le persone hanno un “punto di saturazione” dove la felicità raggiunge il suo picco e guadagnare di più non ti renderà effettivamente più felice. Diversi studi hanno suggerito vari importi (in genere gli studi parlano di 60-70 mila euro annui), ma il punto è lo stesso: puntare costantemente ad avere di più non ti farà stare necessariamente meglio.

Non si tratta solo di quanti soldi facciamo, ma di come li spendiamo.

Anche se non hai raggiunto il tuo reddito di massima soddisfazione, il tuo denaro può ancora determinare la tua felicità. Probabilmente hai già sentito parlare della ricerca che dimostra che siamo più soddisfatti quando spendiamo soldi in esperienze (un buon pasto fuori o biglietti per il teatro) piuttosto che in beni, perché ci aiuta a socializzare e a sentirci più vivi. Ma un altro studio pubblicato su Science ha trovato un’altra strategia per usare il denaro nel modo più soddisfacente: spendere per altre persone invece che per noi stessi.

Le sapevi o no queste cose sulla psicologia?

Faccelo sapere sotto nei commenti!

Social:

Non perderti i migliori consigli:

Lascia un commento