Coronavirus: il significato dell’immagine diffusa dai media

L’illustrazione mostra il meccanismo di infezione del Coronavirus, vediamo insieme come.

Il rendering 3d del Coronavirus
Foto: CDC / Alissa Eckert

Un colorato rendeering tridimensionale di una palla appuntinta si è diffusa nel mondo più velocemente del virus stesso. L’immagine, usata da tutti i media in giro per il mondo, è stata creata da Alissa Eckert, una medica illustratrice degli Stati Uniti.

“L’immagine è stata inizialmente disegnata per essere destinata al pubblico. Comunque, serve anche ai ricercatori per differenziare il coronavirus dagli altri virus e visualizzarne le informazioni più rilevanti.”

Alissa Eckert

Virus come il COVID-19 tecnicamente non sono degli organismi viventi e non si possono riprodurre in maniera autonoma, ma devono necessariamente invadere le cellule nel corpo di un animale (inclusi gli umani), facendoli stare male. Le cellule ospitanti sono quindi “hackerate” e iniziano a riprodurre il virus. Il paziente infetto può stare male per due ragioni: il virus può aalterare le normali funzioni delle nostre cellule fino a distruggerle, ed il nostro sistema immunitario può entrare in azione, causando sintomi come la febbre nel tentativo di distruggere il virus con il calore.

Correlato: Come aumentare le difese immunitarie e ammalarsi meno

L’immagine 3D del Coronavirus usa dei colori accesi che non sono quelli reali del virus, ma permette di distinguere le varie funzionalità delle “appendici” del virus, come rivela l’immagine sotto:

L'immagine evidenzia i componenti e le funzioni delle proteine del coronavirus
Foto: CDC/Alissa Eckert
  • Superficie Grigia: è un contenitore sferico che circonda il nucleo del virus dove risiede il materiale genetico.
  • Pallini gialli: sono proteine dell’involucro (“Envelope proteins”) e sono le più piccole proteine strutturali del coronavirus. Giocano un ruolo importante nel regolare la replicazione del virus, come l’ingresso nella cellula ospitante, la replicazione ed il successivo rilascio.
  • Pallini arancioni: sono proteine di membrana (“Membrane proteins”) e sono le proteine più abbondanti del coronavirus, a cui conferiscono la forma.
  • Protuberanze rosse: sono gli aggregati proteici che caratterizzano tutte le tipologie di coronavirus. Consentono al virus di accedere alla cellula ospitante, fondendosi con la sua membrana cellulare.

Secondo i ricercatori, le protuberanze del coronavirus COVID-19 hanno da 10 a 20 volte più probabilità di attaccarsi alle cellule umane rispetto a quelle presenti nel coronavirus della SARS nel 2002. Questo è il motivo per cui il nuovo coronavirus è molto più infettivo del suo predecessore.

“Lavorare con la struttura tridimensionale del virus permette una maggiore libertà di interazione/ manipolazione. Uno degli scopi principali di questo rendering è di informare ed educare il pubblico, con la speranza di limitare la diffusione di questa malattia e preservare la salute pubblica”

Alissa Eckert

Scienziati e ricercatori stanno utilizzando modelli 3D, sequenze genetiche e qualsiasi altro strumento a loro disposizione per studiare il virus e trovare un vaccino o una cura.

Immagine al microscopio elettronico del coronavirus
Un immagine al microscopio elettronico mostra il nuovo coronavirus SARS-CoV-2, isolato da un paziente americano infetto da COVID-19.

Diffondi l'Ispirazione

Lascia un commento

Resta sempre ispirato: