Colloqui di lavoro: 20 consigli per il successo

Vuoi superare il tuo prossimo colloquio e ottenere il lavoro che stai cercando? Ecco 20 consigli per aiutarti a prepararti a tutti i possibili colloqui di lavoro.

Dalla ricerca della società alla gestione di alcune domande chiave del colloquio, assicurati di fare un’ottima impressione e di superare i prossimi colloqui di lavoro seguendo questi 20 consigli.

Vuoi superare il tuo prossimo colloquio e ottenere la mansione che stai cercando? Ecco 20 consigli per aiutarti a prepararti.

20 consigli per trionfare ai colloqui di lavoro

1. Fai una ricerca sul settore e sull’azienda.
Un intervistatore potrebbe chiederti come percepisci la posizione della sua azienda nel suo settore, chi sono i concorrenti dell’azienda, quali sono i suoi vantaggi competitivi e come dovrebbe andare avanti. Per questo motivo, evita di cercare lavori in una dozzina di settori diversi. Concentra invece la tua ricerca di lavoro solo su alcuni precisi settori e approfondisci quanto più possibile.

Ricordati: Google è tuo amico!

2. Chiarisci i tuoi “punti di forza” e le ragioni per cui vuoi il lavoro.
Preparati ad andare ad ogni colloquio con tre o cinque punti di forza chiave in mente, come ad esempio ciò che ti rende il miglior candidato per la posizione. Prepara un esempio per ogni punto di forza (“Ho buone capacità di comunicazione. Per esempio, ho convinto un intero gruppo a…”). E sii pronto a dire all’intervistatore perché vuoi quel lavoro – compreso ciò che ti interessa di esso, quali ricompense offre che trovi preziose, e quali capacità richiede che tu possiedi. Se un intervistatore non pensa che tu sia davvero, davvero interessato al lavoro, non ti farà un’offerta – non importa quanto tu sia bravo!

3. Anticipa le preoccupazioni e le riserve dell’intervistatore.
Ci sono sempre più candidati di quante siano le posizioni aperte. Quindi gli intervistatori cercano modi per scremare le persone. Mettiti nei loro panni e chiediti perché potrebbero non volerti assumere (“non ho questo”, “non sono così”, ecc.). Poi prepara la tua difesa: “So che potrebbe pensare che io non sia il più adatto per questa posizione perché [la loro riserva]. Ma dovrebbe sapere che [motivo per cui l’intervistatore non dovrebbe essere eccessivamente preoccupato]”.

4. Preparati per le domande comuni dell’intervista.
Ogni libro su “come fare un colloquio di lavoro” ha una lista di un centinaio o più di “domande comuni per le interviste”. (Ci si potrebbe chiedere quanto siano lunghe queste interviste se ci sono così tante domande comuni!) Quindi come ci si prepara? Scegli una lista qualsiasi e pensa a quali domande è più probabile che incontrerai, data la tua età e il tuo status (in procinto di laurearti, in cerca di uno stage estivo). Poi prepara le tue risposte in modo da non doverle formulare a tentoni durante il colloquio vero e proprio.

5. Prepara le tue domande per l’intervistatore.
Vieni al colloquio con delle domande intelligenti per l’intervistatore che dimostrino la tua conoscenza della compagnia e la tua seria intenzione. Gli intervistatori chiedono sempre se hai delle domande, e non importa, dovresti averne una o due pronte. Se dici: “No, non direi”, lui o lei può concludere che non sei poi così interessato al lavoro o alla società. Una buona domanda multiuso è: “Se potesse progettare il candidato ideale per questa posizione partendo da zero, come sarebbe?

6. Pratica, pratica, pratica.
Una cosa è arrivare preparati con una risposta mentale a una domanda come “Perché dovremmo assumerla? È tutta un’altra sfida dirla ad alta voce in modo sicuro e convincente. La prima volta che ci provi, sembrerai confuso e disorientato, non importa quanto siano chiari i tuoi pensieri nella tua mente! Ripetilo altre 10 volte e suonerai molto più fluido e articolato.

Ma non dovresti fare le tue prove quando sei “sul palco” con un reclutatore; prova prima di andare al colloquio. Il modo migliore per provare? Prendi due amici e fate pratica intervistandovi a vicenda: una persona funge da osservatore e l'”intervistato” riceve feedback sia dall’osservatore che dall'”intervistatore”. Fate quattro o cinque giri, scambiandovi i ruoli man mano che andate avanti. Un’altra idea (ma sicuramente meno efficace) è quella di registrare su nastro la tua risposta e poi riprodurla per vedere dove hai bisogno di migliorare. Qualunque cosa tu faccia, assicurati di parlare ad alta voce. Provare la risposta nella tua mente non ti aiuterà.

PS: se questi consigli per i colloqui di lavoro non ti bastano per svoltare la carriera, abbiamo messo insieme ben 30 consigli per avere successo nella vita!

7. Ottieni un successo nei primi cinque minuti.
Uno dei consigli più importanti per i colloqui di lavoro: alcuni studi indicano che gli intervistatori si fanno un’idea dei candidati nei primi cinque minuti del colloquio – e poi passano il resto del colloquio a cercare cose che confermino quella decisione! Quindi cosa puoi fare in quei cinque minuti per superare il cancello? Entra con energia ed entusiasmo, ed esprimi il tuo apprezzamento per il tempo dell’intervistatore. (Ricorda: Potrebbe aver visto molti altri candidati quel giorno e potrebbe essere stanco. Quindi porta quell’energia!)

Inoltre, iniziate con un commento positivo sulla società – qualcosa come: “Non vedevo l’ora che arrivasse questo incontro [non “colloquio”]. Penso che [l’azienda] stia facendo un ottimo lavoro in [un particolare campo o progetto], e sono davvero eccitato dalla prospettiva di poter contribuire”.

8. Mettiti dalla stessa parte dell’intervistatore.
Molti intervistatori vedono i colloqui di lavoro come sfide: i candidati cercheranno di strappare un’offerta all’intervistatore, e il lavoro dell’intervistatore è quello di trattenerla. Il tuo compito è quello di trasformare questo “tiro alla fune” in una relazione in cui siete entrambi dalla stessa parte. Potresti dire qualcosa di semplice come: “Sono felice di avere la possibilità di conoscere meglio la vostra azienda e di farmi conoscere meglio, così potremo capire se questo è un ottimo incontro. Penso sempre che la cosa peggiore che può succedere è essere assunti in un lavoro sbagliato per te – allora nessuno è felice!”.

9. Sii assertivo e assumiti la responsabilità del colloquio.
Forse per lo sforzo di essere educati, alcuni candidati solitamente assertivi diventano eccessivamente passivi durante i colloqui di lavoro. Ma l’educazione non equivale alla passività. Un colloquio è come qualsiasi altra conversazione: è una danza in cui tu e un partner vi muovete insieme, entrambi rispondendo all’altro. Non fare l’errore di startene lì ad aspettare che l’intervistatore ti chieda del premio Nobel che hai vinto. È tua responsabilità assicurarti che se ne vada conoscendo i tuoi punti chiave di forza.

10. Rendi chiari i tuoi punti di forza.
Se un albero cade nella foresta e nessuno è lì per sentirlo, ha fatto rumore? Ancora più importante, se comunichi i tuoi punti di forza durante un colloquio di lavoro e l’intervistatore non lo capisce, hai fatto centro? Su questa domanda, la risposta è chiara: no! Quindi non seppellire i tuoi punti di forza in storie prolisse. Invece, di all’intervistatore prima qual è il tuo punto di forza, poi fai l’esempio.

Questo è uno dei consigli più importanti per superare i colloqui di lavoro, non dimenticartelo!

11. Sii pronto a gestire domande illegali e inappropriate.
Le domande del colloquio sulla vostra razza, età, sesso, religione, stato civile e orientamento sessuale sono inappropriate e in molte aree illegali. Ciononostante, potreste riceverne una o più. In tal caso, hai un paio di opzioni. Puoi semplicemente rispondere con una domanda (“Non sono sicuro di come questo sia rilevante per la mia candidatura”), oppure puoi provare a rispondere “alla domanda dietro la domanda”: “Non so se deciderò di avere figli nel prossimo futuro, ma se si sta chiedendo se lascerò il mio lavoro per un lungo periodo di tempo, posso dire che sono molto impegnato/a nella mia carriera e francamente non posso immaginare di rinunciarvi”.

12. Pensa positivo.
A nessuno piace chi si lamenta, quindi non soffermarti sulle esperienze negative durante un colloquio. Anche se l’intervistatore ti chiede a bruciapelo: “Quali corsi ti sono piaciuti meno?” o “Cosa ti è piaciuto meno del lavoro precedente?”, non rispondere alla domanda. O più precisamente, non rispondete come ti è stato chiesto. Invece, di qualcosa come: “Beh, in realtà ho trovato qualcosa in tutte le mie classi che mi è piaciuto. Per esempio, anche se ho trovato [classe] molto difficile, mi è piaciuto il fatto che [punto positivo sulla classe]” o “Mi è piaciuto abbastanza [un lavoro precedente], anche se ora so che voglio davvero [nuovo lavoro].”

13. Chiudi con una nota positiva.
Se un venditore è venuto da te e ti ha mostrato il suo prodotto, poi ti ha ringraziato per il tuo tempo ed è uscito dalla porta, cosa ha fatto di sbagliato? Non ti ha chiesto di comprarlo! Se arrivi alla fine di un colloquio e pensi che ti piacerebbe davvero quel lavoro, chiedilo! Dite all’intervistatore che ti piacerebbe molto, molto quel lavoro – che ne eri entusiasta prima del colloquio e lo sei ancora di più adesso, e che sei convinto che ti piacerebbe lavorare lì. Se ci sono due candidati ugualmente buoni alla fine della ricerca – tu e qualcun altro – l’intervistatore penserà che è più probabile che tu accetti, e quindi potrebbe essere più incline a farti un’offerta.

14. Porta una copia del tuo curriculum ad ogni colloquio.
Abbi una copia del tuo curriculum con te quando vai ad ogni colloquio. Se l’intervistatore ha perso la sua copia, risparmierai molto tempo (e imbarazzo da parte dell’intervistatore) se puoi semplicemente tirare fuori la tua copia extra e consegnarla.

15. Usa il giusto linguaggio del corpo.
Vestiti in modo appropriato, stabilisci il contatto visivo, dai una solida stretta di mano, abbi una buona postura, parla chiaramente e non indossare profumo o colonia! A volte i luoghi delle interviste sono piccole stanze che possono mancare di una buona circolazione dell’aria. Vuoi che l’intervistatore presti attenzione alle tue qualifiche lavorative, non che svenga perché siete entrati indossando Chanel No. 5 e il candidato prima di voi era inzuppato di Brut, e i due si sono mescolati per formare un gas velenoso che ti impedirà di ricevere un’offerta!

16. Non preoccuparti di sembrare “preconfezionato”.
Alcune persone sono preoccupate che se provano le loro risposte, sembreranno “preconfezionate” (o eccessivamente lucide) durante l’intervista. Non preoccuparti. Se sei ben preparato, sembrerete fluido e articolato, non preconfezionato. E se non sei così ben preparato, l’ansia della situazione eliminerà qualsiasi qualità “preconfezionata”.

17. Sfrutta al massimo la domanda “Parlami di te”.
Molti intervistatori iniziano le interviste con questa domanda. Quindi come dovresti rispondere? Puoi addentrarti in una storia su dove sei nato, cosa fanno i tuoi genitori, quanti fratelli e sorelle e cani e gatti avete, e va bene. Ma preferiresti che l’intervistatore scrivesse che tipo di cane hai – o perché l’azienda dovrebbe assumerti?

Considera di rispondere a questa domanda con qualcosa come: “Beh, ovviamente potrei dirle un sacco di cose, ma le tre informazioni che penso siano più importanti per voi da sapere su di me sono [i vostri punti di forza]. Posso parlare un po’ di quelli, se vuole”. Gli intervistatori diranno sempre: “Certo, vada avanti”. Poi dirai: “Ok, per quanto riguarda il primo punto, [fai il tuo esempio]. E quando lavoravo per [azienda], io [esempio di un altro punto di forza]”. Ecc. Questa strategia ti permette di concentrare i primi 10-15 minuti dell’intervista su tutti i tuoi punti chiave di forza. La domanda “Parlami di te” è un’occasione d’oro. Non perderla!

18. Sii pronto per le interviste “basate sul comportamento”.
Uno degli stili di intervista più comuni oggi è quello di chiedere alle persone di descrivere esperienze che hanno avuto che dimostrano comportamenti che l’azienda pensa siano importanti per una particolare posizione. Potrebbe esservi chiesto di parlare di una volta in cui avete preso una decisione impopolare, mostrato un alto livello di persistenza o preso una decisione sotto pressione e con informazioni limitate, per esempio.

Il passo 1 consiste nell’anticipare i comportamenti che questo responsabile delle assunzioni probabilmente cercherà. Il passo 2 è identificare almeno un esempio di quando hai dimostrato ciascun comportamento. Il passo 3 è preparare una storia per ogni esempio. Molte persone raccomandano di usare il SAR (Situazione-Azione-Risultato) come modello per la storia. Il passo 4 è esercitarsi a raccontare la storia. Inoltre, assicurati di rivedere il tuo curriculum prima del colloquio con questo tipo di formato in mente; questo può aiutarti a ricordare esempi di comportamenti che potreste non aver previsto in anticipo.

19. Invia note di ringraziamento.
Scrivi una nota di ringraziamento dopo ogni colloquio. Scrivi ogni nota su carta o mandala via e-mail, a seconda delle preferenze degli intervistatori. Personalizza le tue note riferendoti specificamente a ciò di cui avete discusso tu e l’intervistatore; per esempio, “Sono stato particolarmente entusiasta [o interessato da, o contento di sentire] quello che ha detto su …”. Le note scritte a mano potrebbero essere migliori se stai ringraziando un contatto personale per averti aiutato nella tua ricerca di lavoro, o se la società con cui stai facendo il colloquio ha sede in Europa. Qualunque sia il metodo scelto, le note devono essere inviate entro 48 ore dal colloquio.

Per scrivere una buona nota di ringraziamento, dovrai prenderti del tempo dopo ogni colloquio per annotare alcune cose su ciò che ha detto l’intervistatore. Inoltre, scrivi ciò che avreste potuti fare meglio durante il colloquio e fai degli aggiustamenti prima di partire per il prossimo colloquio.

20. Non mollare!
Se hai avuto un brutto colloquio per un lavoro che pensi veramente sarebbe perfetto per te (non solo qualcosa che desideri ardentemente), non arrenderti! Scrivi una nota, invia un’e-mail o chiama l’intervistatore per fargli sapere che pensi di aver fatto un lavoro scadente nel comunicare perché pensi che questo lavoro sarebbe un’ottima opportunità sia per te che per l’azienda. Ribadisci ciò che hai da offrire alla società e dì che ti piacerebbe avere l’opportunità di contribuire. Se questa strategia ti farà ottenere un’offerta di lavoro dipende dalla società e da te. Ma una cosa è certa: se non ci provi, le tue possibilità sono esattamente zero. Abbiamo visto questo approccio funzionare in numerose occasioni, e ti incoraggiamo a tentare quest’ultimo colpo.

Conclusioni

Speriamo che questi consigli per superare i colloqui di lavoro ti possano tornare utili. Facci sapere come andrà il prossimo colloquio di lavoro nei commenti qui sotto!

Social:

Non perderti i migliori consigli:

Lascia un commento