Aziende, social e immobili: i consigli di Luca Speltra

Oggi vi proponiamo la nostra intervista a Luca Speltra, un giovane ragazzo ligure che ha trovato la sua strada nel mondo dei social e di internet. Luca infatti è un social media manager che ha curato i profili di molte aziende e tra poco si trasferirà in Irlanda per lavorare come digital marketer, ma le sue competenze si estendono anche al ramo immobiliare. In questa intervista Luca ci darà qualche consiglio su internet, sui Social e sull’affitto di immobili.

Intervista a Luca Speltra

Ciao Luca, come stai? È un piacere averti qui con noi.

Tutto bene, grazie. È un piacere anche per me.

Bene, convenevoli finiti, iniziamo con l’intervista!

Raccontaci qualcosa su di te: da dove vieni, quanti anni hai, che cosa hai fatto in passato, ecc…

Mi chiamo Luca Speltra e vengo da La Spezia, una città ligure conosciuta soprattutto per le 5 terre, che sono patrimonio dell’UNESCO e Lerici dove è presente Villa Magni, l’ultima dimora della famiglia Shelley (Mary Shelley scrisse il romanzo gotico Frankenstein).

Ho 19 anni e, nonostante sia relativamente giovane, ho già cercato di fare più esperienze possibili, per esempio a 16 anni ho preso l’aereo da solo per andare a lavorare in Inghilterra, in una piccola cittadina chiamata Eastbourne, lì ho lavorato come cameriere, sapevo già che non sarebbe stato il lavoro che avrei fatto per tutta la mia vita ma avevo due obbiettivi, fare esperienza all’estero e migliorare la mia conoscenza dell’inglese.

Successivamente ho anche viaggiato da solo per andare in Irlanda dove ho studiato per migliorare ancora il mio inglese.

Invece adesso di cosa ti occupi?

A breve dovrei partire per andare a lavorare per un’azienda come digital marketer a Galway, in Irlanda, sempre per fare esperienza e migliorare il mio inglese, l’Irlanda è un paese molto interessante per chi vuol fare business, soprattutto perché ha molte agevolazioni fiscali.

Infatti vado anche per valutare se potrebbe essere un buon paese per eventuali investimenti immobiliari.

In più faccio consulenze per privati e aziende per aumentare il proprio pubblico e per Monetizzare sui social.

Basti pensare che attualmente ho fatto più di 250k di followers su Instagram, più di 200k iscritti su YouTube e più di 20k followers su Twitter.

Perché secondo te sono così importanti i Social al giorno d’oggi?

Immaginate di avere un negozio d’abbigliamento in cui entrano solo 30 persone al giorno, queste non sono targettizzate perciò le probabilità che acquistino sono relativamente basse, sui social puoi creare un’ottima vetrina di prodotti spendendo 0, in più se si seguono delle precise strategie si possono anche avere più di 300 visitatori al giorno in target.

Un metodo utile può essere utilizzare gli Influencer.

Pagandoli il giusto, possono fare campagne di Influencer marketing, ed è così che anche i privati possono guadagnare; pubblicizzando prodotti di una certa azienda.

In conclusione, grazie ai Social si può fare un business avendo più visitatori in target e spendendo meno rispetto ad un negozio fisico.

Internet incide anche sul mercato immobiliare?

Sicuramente sì, basti pensare che ora grazie a diversi portali si possono trovare tutti gli immobili in vendita delle varie agenzie in una determinata città.

In più le agenzie grazie al sito possono mostrare tutti gli immobili, filtrando anche a seconda delle richieste del cliente.

Il cliente quindi può vedere la casa che desidera in qualche minuto restando comodamente a casa.

Inoltre, grazie a internet è nata la moda degli affitti brevi, su portali come Airbnb e Booking.

Cosa ne pensi di Airbnb e booking, è così facile guadagnare?

Assolutamente no, vedendo vari video su YouTube o blog, sembra che Compri un immobile, lo metti su Airbnb e diventi ricco… Non è così.

Come si può vedere da un articolo del Sole 24 Ore del 20 febbraio 2018, la media di giorni in cui una casa viene affittata su Airbnb è 23 giorni, infatti gli host guadagnano mediamente 2.200€ all’anno.

Quindi un immobile che con gli affitti a lungo termine renderebbe 8.700€ annui, con Airbnb dovremmo farne circa 1.327€ annui, in più la quantità di case e stanze disponibili sui siti come Airbnb e booking cresce a dismisura, e questo rischia di saturare il mercato dato che, a mio parere, gli host che fanno il grosso dei profitti sono i superhost, ovvero gli host con maggiore esperienza e più appartamenti, inoltre in alcuni palazzi ho visto anche 3 Airbnb tutti vicini, il che mi ha stupito perché questo mi ha dimostrato di quanto si stia saturando il mercato.

Un’altra cosa che in molti non dicono è che serve liquidità per gestire un immobile (a volte ci sono spese accessorie, un esempio è: se il palazzo vuole rifare i balconi, te dovrai per forza farli e se ti manca la liquidità, bisogna richiedere prestiti e così ci si indebita), inoltre non tutti i palazzi consentono l’attività di B&B.

Quindi se volete avviare questa attività Fate attenzione.

Come può un giovane iniziare a guadagnare?

Secondo me la domanda è sbagliata! Un ragazzo non dovrebbe pensare subito al guadagno, ma capire cosa gli piace per poterlo trasformare in un lavoro.

Secondo me i passi più importanti sono: Studiare e formarsi, fare esperienza, se il lavoro non si trova guardare oltre il proprio giardino di casa, questo può portare anche a girare il mondo.

Se il problema sono i soldi al limite si può andare nelle farm australiane dove si viene pagati abbastanza bene e puoi mettere qualcosa da parte per finanziare tu stesso il tuo futuro.

Un’altra cosa importante è fare networking, ovvero cercare persone di successo nella nicchia di tuo interesse, con LinkedIn è molto più facile accelerare questo processo.

Se qualcuno volesse percorrere la tua stessa strada, da dove gli consiglieresti di iniziare?

Sicuramente come detto precedentemente l’importante è studiare e formarsi, l’unico problema è che molti corsi o libri costano anche centinaia o migliaia di euro.

Per questo sto scrivendo un libro proprio su come funziona Instagram con tutte le tecniche per crescere, ma, NON sarà gratis, avrà un costo irrisorio di 10€, ma lo faccio per vedere chi davvero ci tiene e vuole imparare e chi invece vuole averlo gratis solo per darci una letta applicarlo per 1 mese e poi lasciar stare.

È stato provato che chi acquista una cosa è portato a concentrarsi di più perché lo vive più come un investimento.

Comunque inizierei cercando più cose possibili online riguardanti questo argomento.

Oltre alla tua professione, hai qualche altra passione?

Sicuramente mi piace il lusso, cerco di contenermi e di applicare il detto “meglio i soldi investiti che i soldi in vestiti”, però a volte cerco dei compromessi, per esempio mi capita di essere ambassador o Influencer per negozi di lusso, compagnie di noleggio di Jet privati, ma anche agenzie per l’intermediazione della vendita o del noleggio di Yacht e ovviamente anche gioiellerie.

In America questa realtà è già cresciuta, in Italia devo dire che siamo ancora un po’ indietro, basti pensare che a Los Angeles, alcune attività fanno lo sconto Influencer proprio per ricevere più pubblicità possibile.

Comunque mi piace fare anche boxe, perché è un ottimo modo per sfogare le tensioni e secondo me è lo sport a cui si adduce meglio il termine “mai arrendersi”.

Per finire, anche se non si direbbe, mi piace molto leggere ed informarmi, leggo libri, che vanno dal Digital marketing agli investimenti finanziari, dal mondo delle criptovalute agli investimenti immobiliari, personalmente reputo che mantenga attiva la mente.

Infine, quali sono i tuoi piani per il futuro? Che ambizioni hai?

I miei piani per il futuro, sono sostanzialmente 3:

  1. Fondare ufficialmente la mia Social Media Agency, che sarà appositamente strutturata per gestire gli account di aziende, e andrà dalla Social Media Growth al Content Publishing, dall’Advertising Marketing al Digital PR.
  2. Costituire una società immobiliare, che racchiuderà tutti gli immobili che possiederò e investire in nuovi immobili in qualche altro stato.
  3. Trovare un posto dove trasferirmi definitivamente, io baso la mia scelta su diversi fattori:
  • Fiscalità (la tassazione la reputo una cosa fondamentale nel caso si voglia aprire un’azienda)
  • Potere d’acquisto (il potere d’acquisto è sostanzialmente il rapporto tra uno stipendio medio e il costo medio della vita, questo mi dà un’idea anche su quanto possa convenire vivere qui)
  • Sviluppo (quanto effettivamente è sviluppato il paese, e quali servizi offre)
  • Facilità di cambiare residenza (in alcuni paesi è molto difficile cambiare la residenza, tipo a Montecarlo È necessario aprire un conto in banca nel Principato con almeno 500.000 € di deposito;

Da ciò si può notare come la scelta del luogo di residenza non sia per niente facile. Anche per questo io consiglio a tutti di guardarsi attorno e di viaggiare il più possibile perché così si scoprono nuove realtà che stando chiusi nella propria cittadina non si potrebbero scoprire.

Grazie mille per esserti aperto con noi e per i preziosi consigli che ci hai dato, in bocca al lupo per tutto!

Puoi trovare Luca Speltra su:
Instagram
Linkedin

Diffondi l'Ispirazione

Lascia un commento

Resta sempre ispirato: